Caesar3.it - Forum di discussione

Forum di discussione su Caesar3 et similia
 
IndiceFAQCercaRegistratiLista UtentiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 Erbe infestanti - i romani e la prima distruzione dell'agricoltura

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Anco Marzio
Structor
Structor
avatar

Vergine Ratto
Numero di messaggi : 134
Età : 33
Località : Perinaldo (IM)
Data d'iscrizione : 12.04.10

MessaggioTitolo: Erbe infestanti - i romani e la prima distruzione dell'agricoltura   Ven 11 Giu 2010 - 12:06

Buongiorno,

Volevo condividere con voi un argomento che mi sta molto a cuore in questo periodo.

Oggi in libreria ho comprato un mini volume intitolato : Cosa ci dicono le erbe infestanti di E. Pfeiffer
Spero di poterne fare buon uso nell'orto.
Intanto vi pubblico la foto di un erba che cresce spontanea dalle mie parti (immagino un pò ovunque in realtà)

http://www.agraria.org/coltivazionierbacee/foraggereminori.htm

Le 2 varietà si incontrano facilmente, ma ce ne sono anche altre. Ho scoperto da poco (sto cercando di imparare) che si tratta di una leguminosa (per chi non lo sa, una famiglia di piante che possono ospitare un batterio sulle loro radici che è in grado di fissare l'azoto dell'aria). Già l'avevo seminata a spaglio l'autunno scorso comprando i semi. Quest'estate andrò a cercarmeli da me.

E consigliato piantarla insieme a cereali che attecchiscano bene. E una pianta a portamento strisciante, quindi il cereale serve oltre o equilibrare l'apporto di azoto a fornire un sostegno perchè la pianta possa rampicare in cerca di luce.

In un ciclo, questa pianta fissa una quantità di azoto che secondo alcuni studi è superiore a quanto i concimi organico minerali presenti in commercio possano offrire. Inoltre l'azoto sarà già "lavorato" dalla pianta e presenta un costo zero (i semi si raccolgono di anno in anno). La pianta fà bene se seminata, ma fà meglio se poi la si estirpa e la si lascia sul posto.

E qui introduco la pratica del sovescio, che consiste nel piantare piante miglioratrici (tipo le leguminose ma non solo) a solo scopo di migliorare la struttura del suolo e la quantità di materia organica. Cresciute, le piante vanno estirpate e lasciate sul suolo a seccare e rilasciare la materia organica che hanno incorporato. Nel frattempo avranno fissato elementi utili per la prossima semina e contribuiranno a migliorare la struttura del suolo rendendolo più soffice. Questa pratica sta ritrovando il suo splendore un po ovunque, ma sopratutto tra i filari delle viti. Parlando coi vecchietti in paese ricordano che un tempo si seminavano le fave intorno alle olive, quando ancora si viveva dei prodotti del campo...

Ed ecco ora il nesso coi romani. Ho letto tempo fà che furono i romani ad introdurre un evoluzione nella pratica del sovescio : invece di lasciare la pianta estirpata, la interravano. Pensavano cosi di evitare che la pianta seccasse, consentendo anche un miglior rilascio nel suolo della materia organica accumulata.
Qui ci sono attualmente 2 scuole di pensiero. Alcuni sostengono che i romani abbiano avuto ragione, altri che invece furono i primi a distruggere i campi. In effetti il fatto di interrare queste piante implica un certo lavoro e rivoltamento del suolo, che porta ad un miscuglio degli strati ed ad una probabile perdita dell'humus fin li creato. Ci sono ancora studi sull'argomento, almeno, io non sono al corrente di dati certi.
Però posso dirvi che quest'anno, complice anche un infortunio alla schiena, non ho interrato niente...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Goldenaxe
Praetor
Praetor
avatar

Scorpione Ratto
Numero di messaggi : 1372
Età : 44
Località : Littoria
Data d'iscrizione : 23.03.10

MessaggioTitolo: Re: Erbe infestanti - i romani e la prima distruzione dell'agricoltura   Ven 11 Giu 2010 - 21:40

Anco... non ho capito bene... stai pensando ad un nuovo cibo per le fattorie?!?!?! scratch

_________________
"Non prendete la vita troppo sul serio comunque vada non ne uscirete vivi"

UNITI CONTRO GLI ONEIROI!

'STA CEPPA!



Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.connessioni.it
Lupo
Administrator
Administrator
avatar

Sagittario Gatto
Numero di messaggi : 1960
Età : 53
Località : Brescia
Data d'iscrizione : 04.01.08

MessaggioTitolo: Re: Erbe infestanti - i romani e la prima distruzione dell'agricoltura   Mer 25 Ago 2010 - 21:14

Molto interessante il tuo post... non sapevo nulla di questa cosa. Immagino che ora il mal di schiena sia passato... hai raccolto qualche cosa?

_________________
"Testiculos tangere, omnia mala fugat

Prima di chiedere hai fatto una ricerca con la funzione SEARCH?
Prima di postare ha verificato di essere nella rubrica giusta?

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.caesar3.it
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Erbe infestanti - i romani e la prima distruzione dell'agricoltura   

Tornare in alto Andare in basso
 
Erbe infestanti - i romani e la prima distruzione dell'agricoltura
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Prima lista di prova - Elfi Silvani 1000 pti
» Prima dipingere o prima assemblare?
» bari venezia prima estrazione del mese
» disabilita i budget per la prima finestra mercato
» Alla prima estrazione del mese....

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Caesar3.it - Forum di discussione :: Off Topic-
Andare verso: